Corriere della Sera: Missione Book Box, Il mestiere dei ragazzi che salvano i libri

Sul Corriere della Sera del 10 dicembre, #BuoneNotizie dedica una pagina a Book Box:  leggi l’articolo

Per saperne di più: guarda l’intervista a Marilena Zacchini

 

 

Corriere della Sera: Missione Book Box, Il mestiere dei ragazzi che salvano i libri

Sul Corriere della Sera del 10 dicembre, #BuoneNotizie dedica una pagina a Book Box:  leggi l’articolo

 

 

Master Cattolica: “Didattica e psicopedagogia per alunni con disturbo dello spettro autistico”

Giunge alla quarta edizione il master universitario di primo livello “Didattica e psicopedagogia per alunni con disturbo dello spettro autistico”, proposto dall’Università Cattolica a insegnanti e neolaureati per offrire loro gli strumenti per gestire la presenza in classe di alunni con disturbo dello spettro autistico attraverso la formulazione e la gestione di progetti educativi e didattici volti al potenziamento delle abilità cognitive, emotive e relazionali in contesti di educazione formale. Diretto dal professore di pedagogia speciale Luigi d’Alonzo, il corso è promosso dalla facoltà di Scienze della formazione in stretta collaborazione con il Centro studi sulla disabilità e marginalità (Cedisma), da sempre attento a questo tipo di problematiche legate al disturbo autistico anche grazie al pool di docenti e di professionisti specializzati di cui si avvale. Il percorso didattico è della durata di un anno e prevede 60 crediti formativi. Può frequentarlo chi è in possesso di titolo di laurea triennale o magistrale/specialistica o di vecchio ordinamento. Le lezioni del master si terranno da ottobre 2019 a giugno 2020 con formula part-time (frequenza venerdì e sabato); sono ammessi fino ad un massimo di 80 corsisti e la scadenza per la presentazione delle candidature è fissata per il 3 settembre 2019.

Maggiori informazioni a questo link

Rifiutato perché autistico: l’editoriale di NIcoletti su La Stampa

Nei giorni in cui si accendeva sui social il dibattito sul caso del bambino rifiutato della famiglia perché autistico, Gianluca Nicoletti ha dato voce a molti genitori che da questa storia si sono sentiti chiamati in causa: “ci chiedono di essere eroi, ma siamo soli e fragili”.

L’editoriale di Gianluca Nicoletti su La Stampa, 26-7-2019

2 Aprile: gli appuntamenti per la Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo

Arte, sport, eventi itineranti e non, appuntamenti di studio e di riflessione: in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo, che ricorre  il 2 aprile, molte le iniziative a Milano e dintorni. Nella pagina dedicata agli eventi, trovate una nostra raccolta per voi.

Se volete segnalarne altri, scriveteci a redazione@retiautismo.it

Credits: Il disegno qui sopra  riprodotto è “Papaveri e grano”, di Jacopo Munegato, esposto in questi giorni a Segrate nella mostra “La fortuna del fortunale”

Autismo in blue jeans: una mostra diffusa a Monza e Seregno

Jeans per sensibilizzare sull’autismo. L’indumento quotidiano per eccellenza si trasforma in manufatto artistico per comunicare, in vari luoghi della città, che l’autismo esiste.

Il progetto, coordinato dall’artista monzese Roberto Spadea consiste nell’installazione di jeans dipinti da ragazzi autistici e collocati in luoghi strategici delle città di Monza e Seregno. Ogni jeans riporterà il nome dell’autore, il titolo e la tecnica utiizzata e sarà parte di una mostra diffusa. Un’occasione per valorizzare la città attraverso oggetti quotidiani e solitamente poco appariscenti, trasformati dalla capacità creativa di ragazzi il cui disagio e le cui potenzialità passano ancora troppo spesso inosservati.

Per saperne di più, visita il sito Facciavista 

(la foto è tratta dal sito Facciavista,com)

Roberto, il giornalaio che chiede ai clienti di avere pazienza

Il Corriere della Sera gli ha dedicato un articolo, con tanto di foto (che riportiamo qui): Roberto, 20 anni, una diagnosi di sindrome dello spettro autistico da quanto ha 18 mesi, ogni giorno serve i clienti nel suo chiosco di giornali, a Napoli.

Nella foto mostra un cartello, che ha scritto aiutato dai genitori e dalla sorella e  che ogni giorno espone davanti alla sua edicola: “Buongiorno, mi chiamo Roberto e sono il vostro giornalaio. Ho l’autismo, vi chiedo di essere pazienti e di darmi  un po’ di tempo. Imparerermo a conoscerci. Grazie mille”.

E i clienti, si legge nell’articolo, aspettano pazienti, anche se nel chiosco di Roberto l’attesa è a volte un po’ più lunga che altrove. Ma la rapidità non è tutto: i modi garbati e un sorriso gentile possono valere molto di più.

Vedi l’articolo del Corriere della Sera del 13 febbraio

A Milano un corso sulla TMA (Terapia Multisistemica in Acqua)

Inizierà il 26 ottobre il corso su Autismo e TMA. Il corso ha l’obbiettivo di promuovere nelle piscine di tutta Italia la costituzione di un gruppo di operatori TMA – Metodo Caputo Ippolito con competenze teorico-pratiche sull’autismo e sul suo trattamento.
La TMA è una terapia che usa l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, capace di facilitare nelle persone con disturbi della comunicazione e autismo, relazioni significative in un ambiente ludico, quale è quello delle piscine pubbliche.
Il corso organizzato dalla Coop. Sociale TMA Group sarà condotto da psicologi che hanno sperimentato per anni questo approccio terapeutico e ideato la Terapia Multisistemica in Acqua metodo Caputo Ippolito.

Scheda iscrizione Milano

 

 

Un Manifesto per superare i pregiudizi sull’autismo

È stato presentato nell’ambito del 13° Convegno Nazionale su Qualità della vita e disabilità, appena concluso, il Manifesto Milano per l’Autismo  elaborato nell’ambito del Progetto Autismo e Qualità della Vita con il  contributo di clinici ed esperti coordinati dal Prof Luigi Croce, è la prima formulazione di un consenso che ha la finalità di sensibilizzare, informare e orientare famiglie e operatori sulla tematica dell’autismo, a partire dal riconoscimento di alcuni miti negativi e pregiudizi.

Il Convegno, dal titolo “Scegliere Insieme”, si è tenuto il 10 e 11 settembre all’Università IULM di Milano.

 

Alla Statale di Milano la prima edizione del Master di II livello su Autismo in età adulta

Prenderà avvio nel primo semestre dell’anno Accademico 2018-2019 all’Università degli Studi di Milano, il Master di II livello dedicato a “Il disturbo dello spettro dell’autismo (ASD) in età adulta”.

Il Master, rivolto ai laureati con laurea magistrale in medicina o psicologia, ha come obiettivo primario fornire ai corsisti le adeguate capacità di diagnosi e conoscenza delle principali strategie di intervento per adolescenti e adulti con autismo che possano essere applicate in varie professionalità  legate al servizio sanitario nazionale, al privato sociale (centri diurni, laboratori, servizi residenziali di varia natura, inserimento lavorativo) e al privato (psicoterapia e consulenza alle famiglie).

È prevista l’attivazione di borse di studio.

A questo link, tutte le informazioni e le modalità per finalizzare l’iscrizione.