Articoli

Un gioco interattivo per spiegare ai bambini con disabilità cognitiva e autismo cos’è il Coronavirus

Come spiegare a un bambino con disabilità cognitiva e autismo come mai le sue routine sono cambiate?

Sul sito dell’ associazione Il Balzo è possibile scaricare gratuitamente un gioco interattivo utile a genitori, educatori, insegnanti e a chiunque voglia spiegare ai bambini con disabilità cognitiva e autismo cosa sia il Coronavirus, quali regole bisogna seguire e come mai in questo periodo tutte le nostre abitudini sono cambiate.

#restiamoacasa ma #intantofaccioqualcosa

Sui siti di Uovonero  Autismo è  e Spazio Nautilus vengono pubblicati ogni giorno video e materiali per svolgere attività a casa per per bambini e ragazzi con autismo.
I materiali delle attività proposte  possono essere scaricati gratuitamente e utilizzati dai genitori insieme ai figli oppure in autonomia: puzzle con simboli della C.A.A, attività per colorare negli spazi ecc.
Le iniziative proposte rispondano alle esigenze di bambini e ragazzi con esigenze diverse sia per quanto riguarda l’età  (dall’età evolutiva agli adolescenti fino ai giovani adulti) sia per quanto riguarda le competenze (disturbi dello spettro autistico a basso e ad alto funzionamento).

Vengono caricati due contenuti al mattino e due al pomeriggio.

COVID-19: consigli utili per la gestione dei fattori di stress

“Consigli per la gestione dell’epidemia COVID-19 e dei fattori di stress psichico associati per le persone con disabilità intellettiva e autismo con necessità elevata e molto elevata di supporto” è il titolo della guida realizzata da SIDiN (Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo) in collaborazione conCREA, Fondazione San Sebastiano, ASMED, Federazione Italiana Prader-Willi e  ANGSA.
La guida è un prezioso strumento per i familiari ed i care giver. Vi si possono trovare informazioni utili per gestire i fattori di stress, la gestione delle crisi di ansia, come contrastare i rischi legati all’isolamento e consigli pratici sulla gestione della nuova quotidianità casalinga.
“In queste settimane, dove i  luoghi consentiti possono essere sensibilmente limitati e le attività esterne notevolmente ridotte o impedite, è importante continuare a mantenere una routine quotidiana. Sapere che la mattina si potrà stare per un po’ al computer e, in seguito, ci si trasferirà in cucina per preparare insieme ad un caregiver il pranzo e, dopo il pranzo, ci si potrà riposare, può essere più rassicurante che avere di fronte  una giornata da occupare uguale a tante altre ma senza un programma definito”.

Scudo al COVID-19 per PcDI_A_SIDiN_v 1_4.pdf