Gerda. Un “ordinario” colloquio di lavoro