“Tommy e gli Altri” è pronto. E in attesa di trovare una distribuzione.

Scritto da Gianluca Nicoletti – giornalista, scrittore, anima del sito pernoiautistici.come e padre di Tommy –  sostenuto da un crowdfunding che in soli  tre mesi ha raccolto 50.000 euro, “Tommy e gli altri” ora è pronto, con tanto di sottotitoli in inglese. 76′, girato in 4k (la massima definizione oggi possibile), può essere  proiettato al cinema e/o trasmesso da un canale televisivo con prodotti di alta qualità. Per questo la speranza di Nicoletti è che il 2 aprile, Giornata mondiale dell’Autismo, “il film sia visibile a chiunque sia interessato a vederlo. Il massimo per noi sarebbe riuscire a trasmetterlo attraverso un canale televisivo nazionale e in chiaro”. Ma al momento sembra che il canale ancora non si sia trovato. Nicoletti non pare sorpreso perché  il film, come spiega nel suo sito, è “tosto, crudele, tenero […] Abbiamo volutamente voluto rappresentare la parte “indicibile” dell’autismo, lo abbiamo fatto deliberatamente perché nessuno ha mai voluto farlo prima ed è giusto che la società si renda conto di quale problema parliamo quando chiediamo dignità di “esistenza” per i nostri figli, altrimenti continueremo a essere considerati solamente genitori di eterni “bambini autistici” “.

Insomma, non è un film facile, non racconta favole, vuole mostrare senza mistificazioni la vita delle persone autistiche e delle loro famiglie. Per questo, spiega sempre Nicoletti,  “abbiamo visitato una ventina di famiglie in tutta Italia e con figli variamente posizionati nello spettro autistico. Vedrete ragazzi come Tommy, chiamati a basso funzionamento, ragazzi ancora più problematici con altre sindromi oltre l’autismo, ragazzi che invece parlano, si esprimono addirittura con genialità ed estro…Ma la cui serenità e dignità di vita è sempre un grosso problema per le famiglie che li hanno in carico”. Ma, assicura Nicoletti  “è anche un film a tratti divertente, vedrete che vi strapperà anche qualche risata…”

Nell’attesa di vederlo, qui trovate il trailer.   e qui potete restare aggiornati sugli sviluppi della distribuzione.

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.