Giornata Mondiale dell’Autismo: iniziative, convegni. E i “giocatori speciali” ad Assago

Anche quest’anno, in occasione della Giornata Mondiale di consapevolezza dell’Autismo, prevista per il 2 aprile, insieme a migliaia di luci blu si accenderanno anche moltissime iniziative in tutta Italia.

A Milano, Sabato 31 Marzo il Forum di Assago ospiterà dei giocatori speciali: i bambini e i ragazzi, con disturbi dello Spettro Autistico, iscritti ai corsi di “avvicinamento alla Pallacanestro” organizzati dalla Cooperativa Sociale Fabula Onlus, in collaborazione con la Pallacanestro Olimpia Milano. Qui il comunicato stampa

Sempre a Milano, dal 3 aprile per due mesi alle Gallerie d’Italia approda la mostra itinerante  L’arte risveglia l’Anima,

L’11 aprile il Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità (CeDisMa) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ha organizzato il Convegno “Approcci Formativi per l’Autismo. Presupposti per la disabilità intellettiva” presso L’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ingresso gratuito previa registrazione.

A Bergamo, il 6 aprile si terrà il convegno “Dentro l’autismo: solide consapevolezze e nuove frontiere”, organizzato in collaborazione con il Consiglio regionale della Lombardia  e dell’Ordine degli assistenti sociali (ingresso gratuito, accreditamento ECM).

Intanto, la petizione #unitiperlautismo , di cui recentemente ha scritto anche Repubblica, sta sfiorando le 15.000 firme.

Sul sito della Fondazione Italiana per l’Autismo, una raccolta di eventi segnalati dalla varie parti d’Italia.

Alle Gallerie d’Italia una mostra e un progetto per risvegliare l’anima

Un progetto internazionale di inclusione culturale e sociale approda alle prestigiose Gallerie d’Italia, a Milano, in occasione della Giornata Mondiale di Consapevolezza sull’Autismo.  Si chiama L’arte risveglia l’anima ed è una mostra itinerante, nata con l’obiettivo di contribuire a sensibilizzare la società e a modificare l’atteggiamento nei confronti delle persone con disturbi dello spettro autistico, valorizzandone le potenzialità creative.

Il progetto, elaborato e promosso dall’Associazione Autismo Firenze, l’Associazione culturale L’immaginario e l’Associazione Amici del Museo Ermitage (Italia) a Milano può contare sulla forza di un altro porgetto, Autismo e Qualità della Vita. Grazie a questa sinergia è stato possibile selezionare educatori , afferenti a diversi servizi, per la realizzazione di un percorso formativo  e lavorare per garantire, con adeguate azioni informative, il coinvolgimento di persone con autismo, operatori, familiari alla presentazione della mostra.

La mostra sarà inaugurata oggi 29 marzo  alla presenza della autorità e sarà aperta al pubblico per due mesi, dal 3 aprile al 3 giugno.

L’arte risveglia l’anima e il progetto Autismo e qualità della vita

 

 

Friendly Autism Screening: il cinema accessibile a tutti arriva a Cremona

Anche a Cremona, il prossimo 28 marzo, arrivano le  proiezioni cinematografiche  “Autism friendly”, grazie alle quali il cinema diventa accessibile a tutti, ai bambini con disabilità e a loro fratellini e amici non disabili.  I friendly Autism Screening, sostenuti dal progetto Cinamanch’io, prevedono infatti:

  • luci in sala non del tutto spente
  • suoni leggermenti più bassi
  • libertà di movimento durante la proiezione
  • eliminazione della pubblicità prima del film

A Cremona , dunque,  doppio appuntamento:  al Cinema Teatro FILO domenica 25 marzo ore 10.30mercoledì 28 marzo alle ore 17 con “Leo da Vinci”. Prezzo del biglietto 4 euro (per tutti).  L’occasione è l’Anffas Open Day che si terrà il prossimo mercoledì 28 marzo 2018 in tutta Italia,

All’ingresso del Cinema Teatro FILO, grazie al patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona, sarà possibile consultare degli Inbook, ovvero, dei libri che usano i simboli per tradurre il testo scritto ed agevolare la lettura a bambini con diversi tipi di disabilità, gentilmente messi a disposizione dalla Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese.

Più informazione sul sito, sulla pagina Facebook di Anffas Cremona oppure contattando l’associazione allo 0372/26612 o via  mail.

Uniti per l’Autismo: la petizione ha superato le 11.000 firme. Elio testimonial

Ha superato quota 11.000 firme la petizione – che ha avuto Elio come testimonial d’eccezione-  perché vengano attuate in modo omogeneo nei territori lombardi le disposizioni e i modelli che hanno dimostrato di funzionare per dare risposte adeguate ai bisogni di molte migliaia di famiglie lombarde con autismo, e perché si dia piena attuazione alla Legge Regionale n. 15 del 2016 (art. 54).

La petizione è stata promossa dal Comitato “Uniti per l’Autismo” , costituito da 35 associazioni di genitori e da migliaia di famiglie del territorio lombardo, in prossimità delle elezioni del Presidente di Regione Lombardia del 4 marzo.

Il Videomessaggio di Elio
Il link per restare aggiornati sugli sviluppi.

 

 

 

 

 

Uniti per l’Autismo: una lettera aperta ai Canditati Presidenti alla Regione e una petizione su Change.org

Il Comitato “Uniti per l’Autismo” , costituito da 35 associazioni di genitori e da migliaia di famiglie del territorio lombardo, ha inviato alcuni giorni fa una lettera aperta ai Candidati Presidenti della Regione, e contemporaneamente una petizione su change.org , per chiedere loro un impegno ad attuare quanto previsto dalla Legge Regionale n.15 del 2016 – art. 54: “disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone affette da disturbi dello spettro autistico e della disabilità complessa, di sostegno e assistenza per le loro famiglie”. La petizione  ha già superato quota 8600 sostenitori e punta a raggiungere i 10.000.

La ragione della lettera è la constatazione che “la Lombardia, regione ricca e sempre più autonoma, con eccellenze in ambito sanitario, purtroppo non riesce a dare risposte adeguate ai bisogni di molte migliaia di famiglie lombarde con autismo e a dare attuazione alle proprie leggi in materia”.   Al momento, fa rilevare il Comitato, sono molte, troppe le mancanze: da quella di un registro con i dati epidemiologici dello spettro autistico nei territori lombardi, a “i servizi essenziali per la diagnosi precoce nei bambini, i trattamenti riabilitativi coerenti con le Linee Guida Ministeriali,  le reti di collaborazione tra pediatria e neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e soprattutto la necessaria presa in carico multidisciplinare, prevista dalle norme indicate”.

Ciò porta molte famiglie a rivolgersi a “centri privati di provata competenza, con costi mensili variabili tra 1000 e 1500 euro. Alcune famiglie intraprendenti hanno perfino creato nuovi centri per l’autismo nei loro territori, facendo leva sulle loro personali risorse e conoscenze”. Da ultimo, ma nn certo per importanza, il rpblema dell’età, co quella soglia del diciottesimo anno che fa scomparire l’autismo “dai radar del sistema socio-sanitario, in quanto non più competenza della neuropsichiatria infantile”.
A sostenere la campagna anche l’eclettico artista e cantautore Elio: qui il suo video.

 

 

Il Concorso Nazionale “Autismo è…” per le scuole: c’è tempo fino al 10 marzo

C’è anche il bel concorso Autismo E’…”, giunto alla sua 5° edizione, tra le iniziative per la Giornata Mondiale sulla Consapevolezza dell’Autismo (2 aprile).

Il concorso, organizzato dall’Associazione Autismo fuori dal silenzio Onlus, è rivolto agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado del territorio nazionale che potranno  scegliere di costituirsi singolarmente, per gruppo o classe.

Obiettivo del concorso,  è favorire lo sviluppo di una maggiore consapevolezza dei giovani sull’autismo e promuovere una sensibilizzazione al problema volta ad agevolare l’integrazione dei ragazzi affetti da autismo nei contesti di vita quotidiani.

Sul sito dell’Associazione il bando del Concorso , a cui si potrà rispondere entro il 10 Marzo 2018 all’email: concorsoautismoe@autismofuoridalsilenzio.it
Per qualsiasi informazione: concorsoautismoe@autismofuoridalsilenzio.it ;
Tel: 081/18829344; Cell: 393.7574850

La premiazione del concorso si terrà Martedì 27 Marzo presso l’Auditorium S.Alfonso Maria De Liguori Pagani (SA).

I disturbi del neurosviluppo nei primi tre anni di vita: una sintesi dei risultati della ricerca internazionale

Bosisio Parini (Lecco), presso l’IRCCS Eugenio Medea-La Nostra Famiglia sono stati presentati recentemente i risultati della ricerca internazionale sui disturbi del neurosviluppo nei primi tre anni di vita, con interventi delle Università di Toronto e Laval in Canada, Rutgers nel New Jersey (Stati Uniti), dell’Istituto Superiore di Sanità, degli IRCCS Stella Maris (Calambrone-Pisa) e Medea, dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Al centro dell’incontro soprattutto gli interventi preventivi ecologici applicabili a partire dai primi mesi di vita e i trattamenti innovativi somministrati entro i tre anni di vita a bambini che manifestano i primi sintomi dei disturbi del neurosviluppo.
Sul sito Superando.it una sintesi degli interventi

Il corso di Unimore a distanza per genitori: iscrizioni fino al 15 gennaio

C’è tempo fino al 15 gennaio per iscriversi al corso gratuito di formazione a distanza  “Autismo e disturbi dello sviluppo”, organizzato dall’Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore).

Alle lezioni, che comprendono basi teoriche e tecniche di insegnamento comportamentali, si potrà assistere in diretta, venerdì e sabato, da metà febbraio 2018 a settembre, con la possibilità di iterloquire anche in differita.

L’iscrizione come uditori è gratuita ed è rivolta ai genitori e agli insegnanti, agli educatori e al personale sanitario.

Per informazioni e iscrizioni ( entro il 16 gennaio) 

“Mio Figlio è autistico e non ho paura”: la soprano Netrebko intervistata dal Corriere della Sera

Il Corriere della Sera del 9 gennaio scorso ha dedicato copertina e articolo di apertura all’intervista alla celebre soprano Anna Netrebko, protagonista alla Scala dell’Andrea Chenier.
“La competenza dei dottori, unita alla dolcezza, possono fare miracoli”.

Leggi l’articolo

“Inviati speciali”: su RAI3 dal 1° gennaio, 5 puntate dedicate agli “InVisibili”

Gli InVisibili arrivano a Rai3, come “Inviati speciali”: è questo il nome del programma televisivo liberamente ispirato al blog del Corriere della Sera  che andrà in onda dal 1 al 5 gennaio 2018, alle 20.15 sulla terza rete Rai.

Con lo stesso spirito del blog InVisibili , gli Inviati speciali seguiranno e racconteranno storie di chi convive con la disabilità, per far conoscere le difficoltà con cui hanno quotidianamente a che fare ma anche per rifletterei su idee, proposte, progetti per mettere i disabili in condizione di vivere e confrontarsi alla pari. E nello stesso tempo per offrire alla società le risorse dei disabili.

Gli inviati speciali saranno gli autori stessi del blog: Alessandro CannavòClaudio ArrigoniSimona AtzoriSimone FantiSimonetta MorelliAntonio Giuseppe Malafarina, Marco Piazza. Quest’ultimo, in un articolo sul blog, presenta così la squadra:

“Per chi non li conoscesse, gli inviati speciali sono persone sedute su una carrozzina per via di un incidente stradale, madri di ragazzi autistici, giovani donne nate e cresciute senza braccia, ma anche professionisti con il pallino delle storie “diverse”. Tutti hanno in comune il fatto di esser giornalisti o blogger, di scrivere per InVisibili a titolo di volontariato e di essere legati, in un modo o nell’altro, al tema della disabilità”.

Leggi l’articolo sul blog InVisibili